2013- Ciclotour Marche Umbria

Giro in centro Italia a me sconosciuta: ho alcuni giorni di ferie e ne approfitto per girare una zona che conosco molto poco l’obbiettivo primario è riuscire a visitare Assisi e l’Umbria poi si improvvisa , il tempo a disposizione non è molto ma ne è venuto fuori un bel giro sia per la tranquilittà dei luoghi che dei paesaggi.

LA MAPPA

Route 2.404.815 – powered by www.bikemap.net

Lunedì 9 settembre Cattolica -Ostra Vetere  km 80 disl.870m.

Trasferimento in treno a Cattolica, inizio a pedalare che sono già le 14.00 e fa caldo e la brezza del mare lungo la bella ciclabile non si fa sentire.

Poco prima di Senigallia comincio a lasciare la costa per inoltrarmi verso le colline marchigiane che con i suoi su e giù mi conducono a Ostra Vetere piccolo paesino in provincia di Ancona.

Pernottamento presso il B&B Il Leccino: consigliato!

Martedì 10 Settembre : Ostra Vetere-Valfabbrica km.111 disl. 1983 m.

L’obbiettivo era avvicinarsi alla zona di Assisi  e per il tracciato tosto si sono accontentato di arrivare a Valfabbrica alle porte di Assisi.

Cena e pernottamento all’ostello di Valfabbrica dove ceno in compagnia di un arzillo tedesco che si sta facendo Firenze-Roma a piedi lungo il cammino di S.Francesco

Mercoledì 11 settembre Valfabbrica-Fabriano km 100 disl.2588m.

Dopo una bella colazione in ostello, carico la bici e riparto verso Assisi.

La giornata è coperta ma non piove, l’ideale per pedalare e sarà così per tutto il giorno,

Scelgo la via più breve che è pure la più impervia e arrivo a Assisi senza incontrare anima viva,classico giro tra S.Maria degli Angeli e la zona della Basilica , sicuramente varrebbe la pena una visita più approfondita, e con il senno di poi sono pentito di non aver dedicato ad Assisi una sosta di un giorno, vedrò di rifarmi !

Lasciata Assisi, affronto il valico di Montemezzo ( 800 m.s.l.m) per arrivare nel primo pomeriggio a Gualdo Tadino : e ora dove si va?Decido di ritornare nelle Marche e puntare verso Fabriano ,le alternative sono 2:

la via più facile ma anche più trafficata è quella di passare dalla SS76 a  Fossato di Vico ma già ieri ho fatto quel tratto e quelle gallerie non mi sono proprio piaciute.La cartina mi mostra la provinciale che porta in Valsorda e poi a Campodonico.

Decido per la seconda, consapevole che ci sarà parecchia salita, ma la vera sorpresa arriva quando giungo ai campeggi in Valsorda , rientro nella regione Marche e la strada non è più asfaltata ma diventa una lunga strada bianca in mezzo ai boschi che sale lungo il crinale della montagna ,arrivo finalmente a Campodonico poi è tutta discesa fino a Fabriano dove arrivo che sono le  18.00 giusto in tempo per ricercare un albergo.Domani si torna a casa, vedremo come….

 Giovedì 12 settembre Piacenza-Casa km 100

Al mattino vengo svegliato dal rumore della pioggia che mi fa rivedere i programmi della giornata.una veloce colazione e via di corsa in stazione dove per un pelo riesco a prendere il treno per Falconara Marittima dove mi accoglie un timido sole.Ormai però è deciso: rientro a Piacenza in treno poi si ritorna a casa in bicicletta.Arrivo alle 14 a Piacenza e subito mi metto in sella per riuscire ad arrivare  a casa in un orario decente.Unica fuori programma ( ma sembra una costante per questo viaggio) è il cantiere della BreBemi che a Romano di lombardia mi obbligo a fare un giro assurdo , proprio mentre mi stavo divertendo lungo il corso del Serio.

Qualche immagine :

Precedente In bicicletta da Treviglio a Cremona lungo il canale Vacchelli Successivo il Gps sullo Smartphone per viaggiare in bicicletta: la mia configurazione

Lascia un commento

*