2012-Giro dei laghi bresciani

Finalmente riesco a compiere un viaggetto completo e in solitaria totalmente in bicicletta.

Giovedì 19 luglio Endine Gaiano-Idro
Parto da casa alle prime luci dell’alba , la giornata sarà impegnativa e ricca di salite.
Raggiungo facilmente Pisogne sul lago di Iseo dove poi inizio a salire per raggiungere ,senza poche difficoltà ma su un percorso pressochè privo di traffico, il colle di San Zeno che mi porta in Val Trompia.

Da qui dopo essere sceso a Pezzaze e giunto a Tavernole sul Mella risalgo a Marmentino e da qui mi ritrovo in Val Sabbia. Raggiungo il lago di Idro dove trascorro la notte in campeggio in riva al lago.

Dati di viaggio
km 86
dislivello 1940 m
velocità media 9 km/h
Campeggio Belvedere

 

Venerdì 20 luglio Idro-Moniga del Garda

Ore 6.30 sveglia e per le 8 sono già in sella verso il lago e la diga di Valvestino che mi porterà sulle sponda occidentale del lago di Garda.Ma prima devo raggiungere Capovalle che con i suoi 10 km di salita sarà l’ultima vera impegnativa salita del viaggio!
Ora una delle più belle discese che abbia mai percorso mi porta a costeggiare il lago artificiale di Valvestino e la sua diga

Ora si inizia a scorgere dall’alto il Lago Di Garda e così in batter d’occhio mi ritrovo ahimè catapultato nel traffico di turisti del lago di Garda( che dopo aver trascorso 2 giorni in montagna a zero traffico è un brutto ritorno alla realtà)
Da qui costeggio tutto il lago fino a raggiungere il porto di Moniga del Garda dopo mi fermo al campeggio delle rose ormai per me familiare.+

Dati di viaggio
km 66
dislivello 1120 m
velocità media 12,4 km/h

 

Sabato 21 luglio Moniga del Garda-Endine Gaiano

me la prendo comoda, dopotutto l’ultimo tragitto dell’ultima tappa dovrei conoscerlo avendolo già percorso e così riparto per casa alle 8.30
il cielo è cupo e dopo pochi km mi sorprende un brutto temporale ma fortunatamente trovo riparo sotto un porticato che mi evita una bella lavata.
Torna il sereno e percorro la ciclovia che mi porta a Brescia dopo, complice un improvviso reset del mio smartphone con le mappe durante il temporale, mi ritrovo un po’in difficoltà ma in qualche modo riesco comunque ad imboccare la ciclovia che mi riporta,attraversando la Franciacorta,nuovamente sul lago d’Iseo,stavolta a Paratico.
Da qui percorre parte della ciclabile che porta Bergamo fino a Grumello del Monte dopo riprendo la strada per la Val Cavallina che mi riporta dopo 265 km nuovamente a casa.

Dati di viaggio
Km 111
velocità media 16 km/h

 

 

 

Il percorso

(click per ingrandire l’immagine)

L’altimetria

(click per ingrandire l’immagine)

Link del percorso
http://www.bikeroutetoaster.com/Course.aspx?course=434827

 

Precedente La ciclabile della Via Mala in Valle di Scalve Successivo Si Riparte!

Lascia un commento

*