2014 Valcamonica-Sentiero Valtellina-Lago di Como

Giretto fuori casa nelle valli Camonica e Sentiero Valtellina

23 aprile 2014 Ciclabile della Valcamonica -Aprica-

Avevo qualche giorno libero, e dopo aver rinunciato ad altri progetti per via del meteo a dir poco incerto, ho finalmente messo una pietra sopra ad un giro vicino a casa che mi stuzzicava da un bel po’!

La bici è carica , l’idea è di star fuori 1 notte o 2 per cui il bagaglio è minimo,e di buon mattino parto per il lago d’Iseo e la Valle Camonica e percorro per la prima volta tutta la ciclabile finoa Capo di Ponte.La giornata è soleggiata ed è piacevole percorrere la ciclabile che costeggia l’Oglio, poi passato Breno , la ciclabile lascia il fondo valle per risalire a mezza costa immersi tra i vigneti e i lastricati ( antichi tratti della via Valeriana ?) degli isolati abitati di Losine, Cerveno e Ono  San Pietro.

Cerveno
Cerveno – Cartina della Ciclabile della Valcamonica

Dopo La discesa fino a Capo di Ponte, famoso per le incisioni rupestri dei camuni, imbocco la vecchia statale 42 , da poco liberata dal traffico grazie alla nuove gallerie,mi porta fino a Berzo Demo quindi giungo alle porte di Edolo dove mi fermo per un piccolo spuntino prima di affrontare la salita.

Salita che affronto evitando la SS 39 , più trafficata e meno impervia, io invece scelgo di risalire passando da Santicolo e Corteno Golgi , la valle del torrente Ogliolo mi separa dalla statale 39 dove sento sbuffare i camion che fanno la spola tra le due valli.Proseguo immerso nei boschi fino a pochi Km da Aprica, dove rientro sulla statale per gli ultimi tornanti che mi separano dal passo.

Arrivo ad Aprica
Arrivo ad Aprica

 

Dopo il selfie di rito al Passo , via in discesa per l’entrata in Valtellina deviando per Stazzona e nel fondovalle percorro un tratto del sentiero Valtellina che mi aspetta domani. Giunto a Tirano mi aspetta l’ultimo strappo per raggiungere l’ostello Il Seicento nel piccolo comune alle porte di TiranoL’ostello è bike friendly con garage per bici e piccola officina, e per  questa notte la camerata è tutta per me !

Il percorso:

 

24 aprile 2014 Tirano-Sentiero Valtellina-Bellano

La giornata inizia con una bella e ricca colazione in ostello, in compagnia di alcune famiglie che si apprestano a farsi un  giro sul famoso trenino rosso del Bernina ( e questo ostello mi tornerà buono quando un giorno deciderò di affrontare il passo del Bernina)!Il percorso di oggi non prevede grosse difficoltà , il Sentiero Valtellina è una ciclabile che costeggia l’Adda fino al suo ingresso a Colico nel lago di Como.

Parto alle 9.00 e faccio un giretto in centro a Tirano, poi appena scorgo i cartelli per il sentiero Valtellina mi immergo all’inizio tra i meleti e la campagna , poi soprattutto mais,che affiancano l’Adda ed è un tutto un rincorrere il fiume, attraverso i piccoli paesi del fondovalle.

Lungo il Sentiero Valtellina
Lungo il Sentiero Valtellina

La ciclabile , quasi completamente asfaltata, è abbastanza frequentata pur essendo un giorno feriale, e lungo il percorso non mancano le aree di sosta.

Sentiero Valtellina ( Sondrio)
Sentiero Valtellina ( Sondrio)

Giunto a Sondrio un bel ponte ciclabile mi porta sulla sponda apposta per proseguire verso Morbegno dove , verso Talamona,per un piccolo tratto non c’è la ciclabile ma si deve percorrere la trafficata statale della Valtellina.

La ciclabile prosegue lungo l’Adda, è ormai primo pomeriggio e inizia a soffiare un vento contrario, ma ormai sono alle porte di Colico e il sentiero Valtellina si conclude con lo sfociare dell’Adda nel lago di Como.

Fine Sentiero Valtellina ( Colico)
Fine Sentiero Valtellina ( Colico)

 Adesso proseguo il giro lungo la costa lecchese del lago, l’impatto con il traffico non è dei migliori dopo tutti quei km in ciclabile, ma il panorama è appagante e pedalo fino ad arrivare a Bellano dove il contakm segna 100 km spaccati!

Bellano ( Lago di Como)
Bellano ( Lago di Como)

L’idea di partenza era di risalire verso la Valsassina, per percorrere il giorno successivo la sua ciclabile e così bypassare le gallerie per Lecco,ma complice una frana verso Abbadia Lariana, il traffico viene deviato verso la Valsassina, per cui mi ritroverei a pedalare con molto traffico visto l’imminente  ponte del 25 aprile. Fermarsi a dormire al lago è abbastanza proibitivo, per cui piglio il primo treno e concludo così ,comunque soddisfatto,questi due giorni tra i monti e il lago di Como.

 

Il percorso

Alcuni scatti di questo viaggetto:

Precedente Il mio faro Axa tornato in vita! Successivo Lago Moro e Presolana

Lascia un commento

*